I grandi Brand ora usano meme

I grandi Brand ora usano meme

Il meme marketing conquista i BIG e le multinazionali che ora si destreggiano n questa vecchia nuova strategia di comunicazione online. L’idea è di stupire con irriverenza, strappare una risata, lasciare un ricordo impresso anche giocando “sporco”.

I meme evolvono con internet e forse c’era da aspettarselo ma è davvero il caso di utilizzarli senza preoccupazione integrandoli in una strategia di Brand positionation avviata magari da decenni? Non è forse pericoloso usare i meme? La risposta è sì in entrambi i casi ma con le dovute accortezze.

I social media marketer sono certamente diventati centrali nelle nuove strategie comunicative delle Imprese e irrigidire l’immagine di un Brand al giorno d’oggi può non essere sempre conveniente. Bisogna avvicinare la lontana multinazionale alla quotidianità del pubblico (questa è sempre stata una necessità del marketing) e con le nuove tecnologie questa vicinanza passa per due semplici vie: la viralità e la sponsorizzazione. Possiamo sceglierne una, l’altra o entrambe e chi non ha tempo da perdere preferisce sempre di sceglierle entrambe.

Ci sono Brand in questo senso avanguardistici, che hanno sfruttato da subito il potenziale di internet, come Ceres.

Brand che celebrano l’evento del giorno (in questo caso i Simpson) per avere condivisioni, come Garofalo anche se va detto che a loro comunicazione è in questo senso coerente perché come Ceres puntano molto sui meme e sulla simpatia.

Brand che sfruttano le serie tv come Monopoly.

E non sono esenti marchi come Gucci che si sono messi a sperimentare i limiti dei meme online.

Siti che vendono immagini alle agenzie hanno modelli standard e questi sono stati usati negli anni per fare meme di ogni sorta. Ora questi modelli “laici” sono diventati materiale riciclato dai Brand per rilanciare sempre in chiave comica i loro prodotti.

Le sperimentazioni insomma sono molte e la paura di contaminare la serietà del Brand con un meme non batte la voglia di like e condivisioni. La viralità passa per lo svago in rete, strappa una risata e cerca originalità. I meme non sono più faccine mal disegnate, non sono facce perplesse con scritte bianche, non sono solo battute. Il mondo dei meme è in continua evoluzione e noi siamo qui a godere della sua evoluzione dal nostro comodo smatphone, lieti di vederne delle belle!

Commenti

commenti